Piovono kiwi a pecorelle

Articoli con tag “Shock

Quando c’è di mezzo lo shock

Ci hanno detto che è normale avere ancora effetti collaterali giorni dopo. Che la cosa migliore è parlarne. Be’ allora questo è un diario, uno sfogo e una testimonianza. Di chi dopo essere sopravvissuta a un terremoto è sopravvissuta anche ad acquazzoni, raffiche di vento oltre gli 80km/h e, soprattutto, all’attacco a sorpresa di un coltello del pane mentre stava cercando di tagliare la treccia appena sfornata. Il dito c’è ancora, perlomeno.

Il mio pensiero comunque in questi giorni va qua e là per il mondo, tra Nuova Zelanda e Italia e non so dove, dovunque ci sono persone che hanno vissuto quanto io ho solo assaggiato. L’altra notte mi sono ritrovata catapultata fuori dal letto, fuori dall’appartamento, poi fuori casa. Il terremoto M7.5 durato circa due minuti che ha scosso la Nuova Zelanda da sud a nord domenica notte ha scosso anche me: non riesco a ricordare cosa mi ha spinto o cosa ho pensato, ricordo di essermi alzata dal letto, il mio moroso urlare dalla porta di raggiungerlo fuori, essere sballottata lungo il corridoio. Solo una volta fuori nel buio a piedi nudi nel freddo, mezza cieca senza lenti a contatto, ho cominciato a realizzare cosa stesse accadendo, che prendere la giacca sulla via di uscita era stata una mossa stupida, che ci ho messo troppo a reagire. Dopo un messaggio e una chiamata abbiamo preso i nostri documenti, ci siamo vestiti e siamo saltati in macchina per andare da amici in collina lontano dal pericolo tsunami. Non ho più dormito quella notte, nemmeno una volta in un letto sicuro. Stavamo tutti bene, gli amici nella zona più colpita stavano bene, la situazione era tranquilla, eppure io non riuscivo a chiudere occhio più di qualche secondo. Credo di aver dormito mezz’ora una volta che il sole è spuntato. Ho passato la notte e anche il giorno dopo a rispondere alla gente che stavo bene, a tranquillizzare tutti che non c’erano stati danni, non eravamo feriti e il pericolo era passato. Ma essendoci in mezzo non ti rendi conto di cosa stia esattamente succedendo: con il passare delle ore e dei giorni immagini e notizie hanno cominciato ad arrivare, due morti a Kaikoura, strade spezzate in due e interrotte da frane, località separate dal resto del paese, centinaia di persone bloccate che ancora vengono evacuate pian piano via aria e mare, il centro di Wellington completamente chiuso, un lunedì fantasma, uffici negozi e scuole chiusi per riparazioni e accertamenti, i traghetti attraccati per ore fuori dalla baia perché non potevano attraccare nel porto danneggiato. Lunedì pomeriggio sono rimasta solo per qualche ora e ho cominciato improvvisamente a essere paranoica e andare in panico non fidandomi nemmeno a dormire o fare una doccia, ho scritto a un amico e sono uscita per andare a bere qualcosa. La sera altre scosse importanti e abbiamo deciso di andare da altri amici a dormire. Finalmente eravamo tranquilli, abbiamo dormito, il giorno dopo quasi tutto aveva riaperto, la vita ha ricominciato a scorrere normale, alcuni compagni non si erano nemmeno svegliati. Il tremare non lo sentiamo quasi più, altro non possiamo fare che ignorarlo, ma i miei sensi sono in allerta, e sono abbastanza sicura che una prossima volta reagirò molto più in fretta. Sono fortunata, fortunata di non essere nell’epicentro, fortunata di non aver avuto danni a differenza di altre zone della città, fortunata di avere solo un graffio e alcuni lividi a ricordarmi la notte di qualche giorno fa. Ma soprattutto fortunata di non essere sola! Il sostegno di partner, amici, scuola, città mi hanno aiutata ad andare oltre, a rientrare nel quotidiano senza troppi pensieri. Mi sembra già tutto lontano in realtà. Calcolando lo shock avuto in una situazione senza ripercussioni personali, non oso immaginare chi ne è veramente colpito, chi qua, in Italia e altrove hanno visto in un attimo la loro vita distrutta. Il mio pensiero va a loro, il mio abbraccio va a loro, molto più di prima. Ora ho capito cosa significa, almeno in parte.

Qua nel frattempo si è tornati a preoccuparsi di altre questioni quotidiane e il corpo mostra livelli di stress nuovamente normali. Buona continuazione