Piovono kiwi a pecorelle

NOI agiamo!

Consigli per risparmiare, aiutare l’ambiente e scegliere il proprio mondo. Divisi per ambiti:

– elettricità
– riscaldamento
– acqua
– trasporti
– rifiuti
– spesa

Si parla e si parla. Qui sotto alcune dritte per chi vuole fare qualcosa e non vuole rimanere vittima della società e di sé stesso. Inquinamento minore, maggiore salute e risparmio per il portafoglio. Leggete e poi ditemi: sono tutte cose così difficili?

ELETTRICITÀ

1. Diminuire la luminosità, evitare sfondi chiari e spegnere lo schermo.

Visto che ci troviamo in questo momento davanti a uno schermo cominciamo da questo: più è luminoso lo schermo (quindi anche più bianco è), più energia utilizza il computer. Quindi: quando non si usa il computer ma lo si lascia acceso spegnere lo schermo, la luminosità si può cambiare in ogni momento perciò aumentarla solo quando è necessario è apprezzato.
–> Per la minore luminosità vi ringraziano anche i vostri occhi! Si stancano meno.

2. Spegnere, staccare la spina e utilizzare le ciabatte.

Una spina nella presa consuma energia anche se non è attaccata a nulla di acceso. Un computer utilizza elettricità anche se è in stand-by oppure spento ma non staccato. Le ciabatte (presa multipla con bottone per spegnere accendere) vi permette di risparmiare energia di conseguenza anche soldi. Lungo l’arco di un anno si accumula parecchio. Utili per computer, stereo, televisione, …

3. Spegnere la luce.

Quando non si utilizza la luce sono tutti più contenti se la si spegne. Anche la lampadina dura più a lungo. Le lampadine a risparmio energetico consumano l’80% di elettricità in meno. Un bel risparmio anche per il portafoglio pure qui.
–> ATTENZIONE: molte lampadine a risparmio energetico contengono il velenoso mercurio! Per controllare se ci sia o meno cercare sulla scatola la sigla “Mg” (mercurio, appunto) nella lista contenente le informazioni quali kw ecc.

4. Energia rinnovabile.

L’utilizzo di energia rinnovabile e pulita serve inoltre a diminuire ancora più l’inquinamento generale. Energia solare, vento, acqua. A dipendenza non sono tutti completamente puliti, ma meglio in parte che niente del tutto. Ci sono regioni dove ci si può allacciare. In caso contrario specialmente per una casa nuova pannelli solari per acqua, elettricità e riscaldamento possono ogni tanto soddisfare gran parte del consumo.
–> L’energia atomica non è pulita, oltre al pericolo che qualcuno può anche ignorare, la produzione di energia nelle centrali nucleari inquina (processo di raffreddamento ecc). L’uranio deriva inoltre da minatori sfruttati nel terzo mondo, non è quindi nemmeno etica.

RISCALDAMENTO

1. Temperatura

Per risparmiare molta energia bastarebbe spesso diminuire di uno o due gradi il riscaldamento in inverno (la temperatura ideale in casa si aggira intorno al massimo 21 gradi centigradi ma non sempre è necessario: non c’è bisogno di girare in maglietta per casa in inverno!). In estate si può fare la stessa cosa aumentando di uno o due gradi l’aria climatizzata (troppa differenza con l’esterno non è nemmeno salutare).

2. Spifferi

Quanti di voi hanno problemi con gli spifferi in casa? Immagino ancora tanti. Le finestre e le porte fanno passare aria (talvolta si vede pure fuori..) e mutano di diversi gradi la temperatura interna. Fare una spesa per cambiare finestre e porte (doppio o triplo vetro), o almeno impermeabilizzare qualcosa può portare a un maggiore benessere sia in inverno che in estate (in inverno tiene fuori il freddo, in estate tiene fuori il caldo). Una buona alternativa casalinga e temporanea è mettere per terra lungo finestre e porte quei lunghi “cuscini” paraspifferi a mo’ di bassotto che possono essere anche decorativi (qui trovate un esempio anche per costruirli voi). La stessa cosa vale per l’estate: meno spifferi uguale meno aria condizionata perché rimane più fresco.

3. Finestre

Una cosa importante a questo punto è: quando si aprono le finestre spalancatele! La mattina quando vi alzate, o la sera quando rientrate (o entrambe le volte) aprite completamente le finestre. Fate girare l’aria per qualche minuto e poi richiudetele completamente. Potrete tenere automaticamente il riscaldamento di qualche grado più basso e avrete comunque aria fresca in casa senza tenere una qualche finestra o finestrella aperta a metà per tutto il giorno.

4. Mobili

Se avete ancora il riscaldamento a serpentine lungo la parete: se possibile lasciatelo libero. Togliete da davanti armadi, divani, o qualsiasi mobile che non permette al caldo di espandersi per la casa. La temperatura aumenterà di qualche grado.

5. Riscaldamento alternativo

Il riscaldamento si può anche avere più pulito. Per chi non vuole la nafta può informarsi su parecchie altre fonti di riscaldamento: stufa a pellet, sonda termica (scavata nel terreno), pannelli solari, … Specialmente per chi si costruisce una nuova casa dovrebbe pensare a queste alternative (fatte subito costano molto meno che aggiunte a una casa già esistente e funzionante).

3 Risposte

  1. Molto interessante, consigli da seguire.

    dicembre 22, 2012 alle 8:58 pm

    • Grazie, è un tema che mi preme. Spero di riuscire a completare questa pagina il prima possibile. A presto

      dicembre 23, 2012 alle 1:40 pm

  2. Pingback: NOI agiamo! Riscaldamento.. « ~ Mae govannen, Mellon ~

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...