Piovono kiwi a pecorelle

Ogni giorno, ogni paese

Ogni giorno un’Elvetica si sveglia e si ricorda di essere in Kiwilandia. Ogni giorno una Svizzera si sveglia e si alza per spegnere quel fin troppo presto suonante telefono. Ogni giorno un’Elvetica si alza e va a svegliarsi sotto l’acqua. Ogni giorno la quantità di luce quando esce dalla stanza le dice se una maglia è abbastanza o se ci vuole anche il maglione. Ogni mattina la Svizzera prende cibo, zaino, cuffia, sciarpa e giacca da vento e si immerge nella inoltrata primavera di Wellington, pronta (o quasi) per una nuova avventura.
Un’avventura in quel di un paese che nonostante tutto ho scoperto avere un sistema penitenziario che è uno schifo ed essere secondo solo agli Stati Uniti d’America, quando si parla di tasso di incarcerazione. E questo nonostante la criminalità è in continua discesa da due decenni, sia in percentuale che in numero netto. Una nazione che nonostante gli sforzi e la buona volontà, ancora porta su di sé l’ombra della colonizzazione dimostrato da 51% della popolazione in prigione di origine māori, quando compongono solo il 14% della popolazione totale. Un paese dove il partito oppositore promette più polizia per pattugliare i centri commerciali.
Eppure ogni giorno io cammino un’ora e mezza fino a casa attraverso tutta la città, di notte le donne camminano da sole per le strade senza avere né paura né problemi (testimone ne è pure una giudice locale), non si sente parlare di violenza se non nelle statistiche e dai politici che vogliono mandare in panico la popolazione, e io mi sento più al sicuro che in Svizzera. Parlare con gli sconosciuti è normale, la gente è tranquilla e rilassata (tranne quando si è per le strade di Wellington, sembrano sfogarsi tutti quanti alla guida qua). Il sistema di informazioni e gestione delle emergenze funziona mica male. Ma pure alla fine del mondo, nonostante la gente, nonostante la popolazione, il sistema e i politici sono uguali dappertutto. Già.

Buona giornata. E non credete a chi vi dice di andare in panico. Solitamente non ce n’è motivo. A presto gens

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...