Piovono kiwi a pecorelle

Musica in onda

https://i0.wp.com/www.internetlooks.com/lamusiquealphonsemariemucha.jpg

Chiudi gli occhi e sentila..

C’è la musica di passaggio,
la musica per ballare,
quella per dimenticare,
quella per piangere sulle lacrime già versate.

C’è la musica che porta allegria,
altra che porta malinconia.
Ci sono le note che ti innervosiscono,
le note che ti entrano dentro,
quelle che già al primo ascolto sono tue.

Ci sono testi per tutti,
i testi che non capisci,
quelli che ti ricordano qualcuno,
quelli che ti fanno ridere o ti fanno piangere.

La musica ci accompagna,
accompagna i nostri ricordi, le nostre esperienze, i nostri sogni.
C’è la musica per il passato, il presente e il futuro.. di ognuno di noi..

Trovala e sceglila. Poi chiudi gli occhi e sentila..
E allora sarà tua..

Annunci

2 Risposte

  1. La musica è e non è allo stesso tempo: non puoi vederla però ti crea colori, non puoi toccarla ma può sembrarti ruvida, liscia, vellutata, morbida e addirittura calda. Non ne senti l’odore ma ti ricorda profumi. La puoi solo ascoltare ma non ti sembrano note bensì richiami di vita passata o che vivrai. Chi fa musica queste cose non le sa, è istintivo. Quando fai un accordo e ti investe il suono dell’amplificatore sembra come un vento che arriva chissà da dove, il tuo scopo è trovare la sua origine e poi vedere dove ti porta. L’ascoltatore invece deve solo prendere per mano l’artista e scoprire il mondo che lui ha plasmato. E’ un processo mistico, credo abbia a che fare con l’universo. E’ qualcosa che va oltre le persone. Forse anche oltre Dio. O forse è l’unico modo che abbiamo per sentirci più vicino a Lui.

    Bell’intervento Alex :), ti mando un grande abbraccio. Ti lascio con una frase del mio nanetto preferito. Stammi bene, ciao !

    “Puoi dire che una canzone è veramente grande quando, dopo che l’hai sentita, non riesci a parlare, e devi accostare la macchina per paura di schiantarti.”

    Bono Vox

    gennaio 26, 2011 alle 2:40 pm

  2. E ce ne sono poche, di canzoni veramente così grandi. Anche se.. non è personale pure quello? Una canzone che a me fa questo effetto a te potrebbe essere indifferente, o pure innervosirti. E a questo punto tutta la musica potrebbe essere veramente grande, qualcuno a cui fa questo effetto in giro per il mondo può benissimo esserci.. È veramente grande perché tocca qualcosa di noi che in quel momento o forse sempre è vulnerabile. Simpatico il tuo nanetto preferito comunque ;)
    Ricambio l’abbraccio, forte forte! Ciao ciao :)

    gennaio 26, 2011 alle 3:21 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...