Piovono kiwi a pecorelle

(17 luglio 2005) Cancellazione debito ai paesi poveri

WOOW!! Sarò stata l’ultima a saperlo… ma vabbeh!
 

G8-Debito: i punti principali dell’accordo di Londra

di Redazione (redazione@vita.it)

11/06/2005

Nel
testo gli 8 principali punti dell’accordo raggiunto oggi a Londra tra i
ministri delle finanze del G8, i paesi più ricchi del mondo

Cooperazione allo Sviluppo
Messaggio Promozionale

1) E’ stato approvato un
piano che permettera’ da subito la cancellazione dell’intero debito che
18 paesi poveri hanno nei confronti di grandi organizzazioni
internazionali. Nel complesso l’accordo riguardera’ una quarantina di
paesi per un ammontare finale prevedibile di 55 miliardi di dollari di
debiti cancellati. 40 miliardi di dollari da subito, la cifra salira’ a
55 quando al primo gruppo di 18 paesi si uniranno gli altri.
2)
Dei 55 miliardi di dollari finali 6 miliardi verranno cancellati
dall’Fmi, 44 dalla Banca Mondiale e 5 dal Fondo per lo sviluppo
dell’Africa (Adf). La cancellazione e’ prevista in piu’ tappe.
3)
La cifra di 40 miliardi si riferisce a 18 paesi tra i piu’ indebitati,
mentre altri 9 Paesi beneficeranno di ulteriori cancellazioni tra 12-18
mesi, per un montante supplementare di 11 miliardi di dollari. A questa
lista poi si uniranno altre 11 nazioni che ancora devono raggiungere le
condizioni richieste per accedere a queste misure. Devono cioe’ provare
di aver compiuto sforzi per il buon governo e contro la corruzione. A
questa ultima fase sara’ legata la cancellazione degli ultimi 4
miliardi di dollari.
4) I 18 paesi interessati dall’immediata
cancellazione di debiti per 40 miliardi sono Benin, Bolivia, Burkina
Faso, Etiopia, Ghana, Guyana, Honduras, Madagascar, Mali, Mauritania,
Mozambico, Nicaragua, Niger, Ruanda, Senegal, Tanzania, Uganda e
Zambia.
5) I paesi del G8 si sono impegnati a finanziare queste
cancellazioni presso le organizzazioni internazionali attraverso un
Trust Fund nel caso della Banca mondiale e del Fondo per lo sviluppo
dell’Africa. I paesi che lo vorranno potranno anche sbloccare nuove
risorse per Somalia, Liberia e Sudan, nonche’ contribuire a nuovi fondi
destinati all’aiuto dei paesi afflitti da variazioni del costo delle
materie prime e svolte congiunturali esterne.
6) Per quanto
riguarda gli aiuti sanitari l’impegno preso e’ quello di stanziare
entro il 2015 4 miliardi di dollari per le vaccinazioni dei bambini e
di promuovere l’accesso universale entro il 2010 ai trattamenti contro
l’aids.
7) Fmi, Banca Mondiale e Fondo per lo sviluppo dell’Africa
dovranno approvare le misure prese nel corso di assemblee generali
previste nel mese di settembre.
8) Nella prospettiva del summit a
Gleneagles dal 6 all’8 luglio i paesi del G8 continueranno a lavorare
sui modi di accrescimento del montante per gli aiuti allo sviluppo, in
particolar modo sulla proposta britannica di facilitazioni finanziarie
internazionali e su quella franco-tedesca di tassazione dei biglietti
aerei.

[vita.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...